Seleziona una pagina

La Legionella

” Batterio Killer “

La Legionellosi

La legionellosi è una malattia infettiva sostenuta da patogeni emergenti. Il potenziale rischio per la salute dell’ uomo è molto alto. Infatti, essa viene sottoposta a sorveglianza speciale da parte dell’ OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), della Comunità Europea e dell’ ISS (Istituto Superiore di Sanità). Dal 1983 è stato attivato il “Registro Nazionale delle legionellosi”.

Rischio di insorgenza legionella negli impianti idrici

  1. Temperatura tra i 20 e i 45° C
  2. Anzianità degli impianti
  3. Presenza di sedimenti nell’ impianto idrico
  4. Ristagni d’acqua
  5. Presenza di biofilm e/o incrostazioni nelle tubature, nelle docce o nei rubinetti
  6. Rallentamenti, interruzioni o ristagni nelle tubazioni o del flusso idrico
  7. Acidità dell’ acqua (pH) tra 5,4 a 9,2
  8. Ambiente aerobico (dove si potrebbe respirare vapore infetto)
  9. Presenza di elementi nutritivi come alghe e/o amebe

La legionellosi è stata identificata per la prima volta nel 1976, a seguito di una epidemia di polmonite che si verificò a Philadelphia. In quella occasione parteciparono ad una riunione della American Legion oltre 4.000 veterani (chiamati appunto “Legionari”). 221 di questi si ammalarono e 34 purtroppo morirono. Solo in seguito si scoprì che la malattia era stata causata da un “nuovo” batterio denominato Legionella. Questo batterio fu isolato in nell’ impianto di condizionamento presso l’ ’hotel dove i veterani avevano soggiornato. Il germe ha forma bastoncellare, Gram-negativo, aerobio, asporigeno e generalmente mobile per la presenza di uno o più flagelli e hanno dimensioni variabili.

Normativa Antilegionella:

Linee guida per i gestori delle strutture turistico–/ricettive e termali (Gazzetta Ufficiale Numero 28 – Serie Generale del 4 febbraio 2005).

Questo documento stabilisce la necessità per i gestori delle strutture turistico ricettive, di attuare misure di prevenzione di riduzione del rischio di legionellosi negli ospiti delle stesse, nonché di effettuare un’a analisi del rischio che preveda un controllo specifico presso le strutture onde evidenziare la presenza di un potenziale rischio. Si richiede altresi dei campionamenti periodici dell’ ’acqua distribuita attraverso gli impianti idrici. 

Linee guida recanti indicazioni ai laboratori con attività di diagnosi microbiologica e controllo ambientale della legionellosi (Gazzetta Ufficiale Numero 29 – Serie Generale del 5 febbraio 2005). Tale documento orienta le attività dei laboratori che si occupano in Italia della diagnostica della legionellosi e del controllo ambientale di Legionella organizzando i laboratori sopra menzionati in tre livelli gerarchici:

  1. laboratori di base
  2. laboratori regionali di riferimento 
  3. laboratorio nazionale di riferimento.

Provvedimento della Conferenza Permanente Stato Regioni n. 2636 del 5 ottobre 2006 (Gazzetta Ufficiale Numero 256 – Serie generale del 3 novembre 2006). Questo documento riporta le Linee Guida per la definizione di protocolli tecnici di manutenzione predittiva sugli impianti di climatizzazione.

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

COMPILA ORA IL FORM E TI RISPONDEREMO APPENA POSSIBILE.

11 + 9 =